PROGETTO COME L’ACQUA…IN PRATICA!

di | 13/05/2019

IL PROGETTO… IN PRATICA!

Normalmente mi piace dare informazioni quando ho già potuto sperimentare, in prima persona, l’effetto di quanto vorrei proporre. 
E’ stato solo dopo 8 mesi di sperimentazione nel bere l’acqua per uscire dal circuito del mal di testa, che ne ho parlato ai corsi di formazione biennale in 5LB (a tutte le 11 formazioni!)… Solo dopo essermi data il tempo per riscontrarne l’effettiva efficacia. Sperimentando, ho potuto scoprire anche molto di più…

Ho bisogno di essere sufficientemente certa del risultato, almeno per quanto mi riguarda, prima di parlarne e diffonderlo.

E’ così che ho sempre fatto, negli incontri individuali, nei corsi… come nella vita.
L’ho fatto con le 5LB, come con tutte le “materie/vita” che conosco (Percezione, Comunicazione, Posizione, Movimento di fondo)…

E’ una modalità di relazionarmi al mondo nata dalla mia storia personale, oggi sufficientemente integrata nelle mie cellule, da accompagnarmi nel mio movimento di fondo.

Ho una spinta: se mi do il tempo per sentire da dove nasce e la seguo agendo di conseguenza, la sperimento, cioè mi do il tempo per osservarne l’effetto e poi, se utile anche all’altro, la trasmetto.
E’ una modalità che mi piace perchè mi dà la sensazione di fluire con la vita… E la vita ti porta verso la vita.

Da quando sono approdata in Lunigiana, ho fatto delle scelte pensando che fossero nel rispetto della terra. Poi le ho messe fortemente in discussione ma oggi posso riconoscerne i vantaggi: eranpo un primo passo verso quello che cerco ancora oggi.

Riscaldamento a pavimento, geotermico, pannelli solari e fotovoltaici… tutto da ottimizzare ma comunque a basso impatto ambientale. E oggi riparto da qui.

 


IL NUOVO PROGETTO

Date le premesse, sento la necessità di specificare cosa sta nascendo a Come l’Acqua (prima chiamata La Costa degli Aromi).
In merito al progetto, voglio dirti cosa so e cosa ancora non so…

Quello che so.
Il progetto a Come l’Acqua, per me è sperimentale e al contempo sperimentato.
Sperimentato nel senso che non potrei vivere diversamente da quello che propongo.

Mi piace sentirmi inserita in una rete di anime che vuole un mondo diverso e che perciò agisce di conseguenza per renderlo possibile.
Che sappia vivere e lavorare in cooperazione, nel rispetto dell’altro e del mondo che ci ospita; che compia scelte quotidiane che siano coerenti con questo rispetto; che sia in grado di organizzare nel suo territorio un’economia sostenibile e autonoma, che possa invitare menti e cuori eccellenti al confronto e alla collaborazione.
Che non si muova contro qualcosa, ma che sappia procedere verso il suo obiettivo senza paura e con la determinazione che solo il rispetto e l’amore per sé, per l’altro e per il mondo, può dare.
Che sappia comunicare con un linguaggio che stimoli nel mondo percettivo proprio e dell’altro, apertura e ricchezza.
Che s’impegni a infondere bellezza e armonia in ogni parola ed azione.
Che scelga di vivere anziché difendere i propri costumi di scena (identita!)

Quello che so è che non voglio più vivere scissione ma unità.
Voglio che spirito e materia si fondano in ogni singolo respiro,
in ogni specifica azione
…Così, Come l’Acqua

Questo è il mio personale progetto di vita, felice di essere in rete con chi sente risonanza col suo personale progetto di vita. Esseri umani alla pari, che vanno nella stessa direzione, diversi tra loro e perciò portatori di bellezza e ricchezza.
La salvezza dell’umanità sta nel poter esprimere le reciproche differenze (talenti) verso una meta comune (la vita).

Ma il progetto è anche sperimentale.

Quello che non so
Di idee ce ne sono molte, ma non so quali e quante sarà possibile mettere in essere.
Di sicuro posso garantirti la mia posizione, quella che ti ho descritto prima e la mia attenzione a vegliare, come un guardiano di me stessa, affinché resti tale.

Con buone probabilità fino a qualche tempo fa non avrei potuto farti questa promessa con la stessa certezza di oggi. E’ sempre stato difficile per me dire dei NO.
Vedere l’anima dell’altro e le sue immense potenzialità diventa un limite perché se focalizzo la mia attenzione sulle proiezioni delle mie bolle di memoria, non posso osservare l’effetto prodotto dalle azioni dell’altro…

Lasciare la porta sempre aperta nell’intento di essere d’aiuto, danneggia il mondo e io divento complice.

Oggi posso assumermi la responsabilità di dire no a chi, per la sua storia e scelte personali, non è presente a se stesso. Certo che sento dolore nel farlo, sento il dispiace… ma al contempo so di aprire uno spazio perché un nuovo mondo si affacci sul serio.

PROGETTI
Perciò ora ti dico cosa vogliamo mettere in essere ma non ti posso garantire che ci riusciremo.
Di sicuro ti posso garantire che ce la metteremo tutta perché avvenga.

Cosa serve nella pratica perché una piccola realtà diventi autosostenibile nel rispetto della natura che ci ospita?

TERRA
La terra della Lunigiana, seppur non sfruttata da agricoltura intensiva o da fabbriche, si sta impoverendo. Il mondo è uno e la sua pelle soffre ovunque si trovi. Per questo ci occuperemo, con amore, di lei.

1. Useremo metodologie naturali per restituirle vita: cippato fresco, sfalci attenti al rispetto e mantenimento della biodiversità, reinserimento di piante ed erbe funzionali all’equilibrio naturale, al sostentamento alimentare e come pronto soccorso sintomatico. Guide di riferimento: Andrea Donnoli con l’elettrocoltura (e tanti altri che si stanno aggiungendo in modo spontaneo!)

2. Organizzazione di compost che sia davvero tale e che cioè si trasformi in cibo nutriente per la terra. Uno spazio è già stato attivato nella serra, un habitat idoneo a stimolare la vita e l’attività dei lombrichi finché non ritroveranno le loro vie naturali di abitabilità e sviluppo naturale nel terreno …
I primi hanno già iniziato ad eleggerlo come prima casa! Guida di riferimento: Antonio Ciao

                                

3. Orti con sviluppi diversi e creativi sia nella forma che nel contenuto (sinergico, permacoltura e altro), con anche sperimentazione di un orto nel bosco.

ACQUA
1. Ottimizzazione di raccolta acque piovane e loro mantenimento con l’aiuto dei microrganismi e grazie a processi di canalizzazione, coadiuvato da un pannellino solare, che le mantengano in costante movimento. Grazie per il lavoro già fatto da Antonio e al sorprendente Alessandro!!


2. Vorremmo costruire anche un sistema per “catturare” acqua dall’aria inserendolo in una cupola geodetica in modo da energizzare l’acqua e convogliarne “nutrimento e luce” non solo per le colture (o persone) che vi transitano ma anche per la terra.

3. Laghetto biotopo per creare un habitat ideale per ospitare organismi sia vegetali che animali.

4. Verifica della fonte sorgiva del nostro campo e canalizzazione alle case e al campo.

FUOCO – ENERGIA, CALORE
1. Sistemi di energia e sviluppo del calore attraverso stufe pirolitiche, Rocket mass con panca in autocostruzione per riscaldamento case. Guida di riferimento: Antonio Ciao, Fabio Ernetti

2. Vulcan T60 (sisterma di riscaldamento a cippato fresco). Guida di riferimento: Antonio Ciao

     


STRUTTURE

1. Ottimizzazione pompa di calore geotermico, riscaldamento e tanto tanto altro
Un grazie di cuore a Claudio e a Fanny!

2. Forno in terracruda in autocostruzione per cuocere pane, focacce, pizze e verdure in autoproduzione. Guida di riferimento: Fabio Ernetti. Workshop 13/14 luglio 2019

3. Ultimazione casa alta con pannelli di riscaldamento a parete e intonaco in terra cruda.

4. Coibentazione in autocostruzione case con ancora ricerca materiali aperta. La paglia è la più economica ma abbiamo ancora domande aperte per la tipologia di casa che dobbiamo coibentare.
Grazie di cuore anche a te Mattia Lucchetti per tutta la ricerca che hai fatto… Ci arriveremo in fondo!

5. Costruzione di cupole Geodetiche (geometria sacra per attivare campi energetici di sostegno dove svolgere diverse attività.

6. Ora siamo in grado anche di ospitare con letti in spazi condivisi fino a un massimo di 14 persone. E di offrire pasti per i seminari residenziali. Riferimento: Arianna Tondo, Natale Porto. Grazie ragazzi!! Siete magici!

Figure di riferimento (ad oggi):
ANTONIO CIAO contatti e coordinazione delle figure professionali necessarie ai diversi gruppi di lavoro (workshop).
ARIANNA TONDO, NATALE PORTO gestione eventi, corsi e accoglienza
SIMONA CELLA … La guardiana del Bosco. Incantata!

  

    

RETE SUL TERRITORIO
Mano a mano che svilupperemo un argomento creeremo collaborazione e rete sul territorio… Un territorio che non mi aspettavo fosse così curioso e anche attento…

RETE E INCONTRI
… Tanti e in crescita, TUTTI finalizzati all’espressione ed espansione di sè. Tutti esperienziali.
Nella pagina Facebook Come l’Acqua troverai il calendario eventi, costantemente aggiornato.

Per quanto mi riguarda, 5LB, Percezione, Comunicazione e Presenza ricominciano a manifestarsi qui a Bagnone!

CONVEGNI A TEMA
Organizzeremo degli incontri dove gli oratori saranno ricercatori, costruttori, biologi, filosofi e artisti in campi diversi ma con la stessa finalità. L’intento è che possano interfacciarsi e proporre visioni diverse e contemporaneamente fattibili, perché tutti, anche tu, possa contribuire per un mondo e una vita migliore.

LA FESTA DI INAUGURAZIONE DEL
NUOVO PROGETTO SI TERRA’
L’8 GIUGNO 2019
dalle ore 11, fine ore 22

… Ma con possibilità di rimanere anche il giorno dopo: previsto fiume!

Chi riesce porti cibo da condividere… non abbiamo idea di quanti saremo!!
Necessario confermare la vostra presenza!
A presto!!!!

5 pensieri su “PROGETTO COME L’ACQUA…IN PRATICA!

  1. Maria piro

    Progetto bellissimo e ad ampio raggio, buon lavoro.peccato.essere distanti… molto distanti fisicamente

    Rispondi
  2. Alessandra

    Finalmente! Sono felice di questa realtà in divenire e come l’acqua tornerò da voi per dissetare e dissetarmi l’anima.

    Rispondi
  3. Daniela

    splendido progetto! Lo vedo come un laboratorio per unire diverse buone pratiche.
    Nella nostra azienda agricola utilizziamo pratiche biodinamiche e stiamo facendo uso di microorganismi effettivi. A breve raccoglieremo l’acqua piovana da utilizzare anche nelle dinamizzazioni e nella preparazione di macerati.
    Credo che inserirò anche un po’ di musica…
    Starò sintonizzata per sapere come procede e magari per venire a dare una mano. Sono con “Come l’Acqua” !
    Grande Abbraccio!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.