SEGUIMI, IO VADO VERSO LA VITA! (Inno al corpo, terza parte)

By | 27/07/2016

SEGUIMI, IO VADO VERSO LA VITA!
(Inno al corpo, terza parte)

Sono una cellula del tuo corpo.
Fatti piccolo piccolo anche tu, in modo che ti possa accogliere e accompagnare in un viaggio di conoscenza.

Ti guido a percepire la tua casa.

Schermata 07-2457595 alle 19.46.46Non ti preoccupare!
Non ti sballotterò in giro per organi, non ti farò scivolare lungo il corpo spinto dal tuo sangue…
non voglio impressionarti, ma solo informarti.

Sarà sufficiente accomodarti nel mio nucleo, dove potrai osservare tutto ciò che accade in tutto il tuo corpo.
E’ qui che convogliano tutte le informazioni, da qualsiasi fonte provengano.

Non lo sapevi? Le cellule del tuo corpo sono tutte interconnesse!

Nessuna può ignorare cosa stia facendo l’altra anche se lontanissima,  perché siamo una “mente” unica, ognuna specializzata nella sua mansione, ma tutte in connessione verso un progetto in comune.

Quel progetto sei tu!

Schermata 07-2457595 alle 22.32.10

Anche se hai studiato le 5LB, non è detto che questo viaggio ti sarà famigliare, per cogliere l’immensità del messaggio dovrai fare leva sul tuo istinto… fidarti di te.

Iniziamo col primo passo
Ora sei dentro la membrana, appena dopo la soglia.
Sì lo so, è una meraviglia.

Ti lascio al tuo momento di stupore: capisco che sia difficile concepire tanta complessità… milioni di interazioni contemporanee, pur essendo tutte decisamente specializzate.
Assolviamo a una quantità di funzioni impressionante pur essendo totalmente coordinate…
La tua attenzione vigile nemmeno se ne accorge, eppure tutto accade.
E sai perché?

Tu non hai un corpo, tu SEI il corpo.

Il problema è che non dai diritto di cittadinanza alle tue cellule… Ci consideri un’optional, un “allegato” a volte un po’ ingombrante.

La tua mente ti ha convinto di essere te e c’è riuscita solo perché lei può descriversi, si auto certifica perché è in grado di organizzare pensieri che, anche se non sono veri, sono logici e perciò credibili.

Ma non è la parola a creare vita: ti permette di comunicare ma, se ci pensi, solo con chi usa il suo stesso codice. Solo con gli esseri mani e solo con quelli che usano la tua stessa lingua.

La mia lingua invece, quella del corpo, quella della cellula, dialoga con tutto il “resto del mondo”, compresa l’aria, il fuoco, la terra e l’acqua!

Schermata 07-2457595 alle 22.45.14

Io cellula, comunico con la vita.

Perciò ti accompagno in questo viaggio non è perché tu possa dire “Adesso so!”  riducendo l’esperienza a una sterile teoria, I miei meccanismi sono troppo perfetti e mobili per essere controllati o riprodotti.

Lo faccio perché tu possa sentire:

“mamma mia…CHE MERAVIGLIAAA!!!”

 

L’intento è che tu sperimenti quanto immense e sofisticate siano le possibilità di godere della tua vita essendo in connessione col tuo corpo, perché sono io lo strumento che lo rende possibile. Sperimentandone i benefici, la mente ci seguirà.
Non è cattiva, ha bisogno di essere guidata.

Ora il secondo passo: osserva cosa accade, mentre ti spogli e t’infili sotto la doccia.

Sei pronto? …VIA!

Schermata 07-2457595 alle 17.30.10

… No dai, non urlare… capisco che sia troppo per te, ma non ti preoccupare, non devi fare null’altro che osservare! … Come? Troppi stimoli tutti insieme?… Capisco!
Osserva solo quelli che riesci e non ti occupare del resto!

Sì lo so, è uno spettacolo, una magia
Hai sempre pensato di avere “5 sensi” e invece sono migliaia!

Lo sai di quanti ricettori dispone il solo olfatto? Ne sono stati riconosciuti più di mille ….
E ti assicuro che il calcolo è per difetto!
A parte la sottostima, dimentichi anche la sinergia: è così che possiamo anche compensare quei ricettori che non riescono a lavorare: è così che non udenti riescono a suonare strumenti e non vedenti possono danzare. Si lasciano guidare da noi, e dal piacere che provano a fare quello che fanno.

… il piacere, non altro, guida il mondo
nella sua evoluzione perfetta!

Già in questo momento, mentre ti stai facendo una semplice doccia, puoi riconoscere un’intreccio di attività sensoriali che la tua mente non saprebbe come gestire: pressione, umidità e temperatura. Altri ricettori si occupano di tenerti in equilibrio, altri regolano ogni tua azione guidando i micro e macro movimenti.

Altri ancora ti inebriano col profumo del bagnoschiuma al punto da sentirne quasi il sapore…

E altri ancora si occupano di scaricare le tue emozioni regalandoti sorrisi o pianti.

Ti senti rigenerare nel corpo e nell’anima perché, tattilmente, i sensori registrano morbide carezze, dolci profumi, fresche sensazioni e, in risposta coordinata, gli ormoni che leniscono i dolori e producono piacere si diffondono, liberi, nel corpo.

Questo è il mio lavoro quotidiano
O meglio dire: sarebbe!  Quello a cui mi sottoponi continuamente è altro. Eppure emergenze e stress, dovrebbero rappresentare delle eccezioni, non la regola. Dovrebbero accadere ogni tanto… e tante anche con intensità contenuta…
Ti viene così spontaneo dare importanza a cose che non ne hanno per nulla!

Ed eccoci quindi giunti al terzo passo.
Ora ti faccio vedere cosa succede invece quando sei nel tuo stress quotidiano…

Come? .. preferisci di no?… Ma come…

Bè, in effetti non ti do torto, non è un’esperienza altrettanto piacevole.
Anche in questo caso le cellule lavorano in sinergia ma più che a fuochi d’artificio, assisteresti a macabre esplosioni
A un certo punto rischiamo la cacofonia e quando gli stimoli disarmonici sono troppi e durano per troppo tempo, perdiamo anche il ritmo tra di noi… perdiamo la connessione.

Ok, va bene, te la scampo, ma a un patto:

Non ricordarti di me solo nei momenti difficili!

  • Non portarmi dal dottore, portami al mare
  • Non soffrire, ma gioisci dei tuoi sensi
  • Lascia alla rabbia il tempo che serve e per il resto ama
  • Scopri chi sei e non lasciarti più!

Schermata 07-2457595 alle 22.46.43

Perderti nei profumi del bosco, ritrovarti nei colori dell’arcobaleno, rinasci dopo ogni temporale.

Buon risveglio a tutti!

Testo di Simona Cella: www.creatoredispazi.it

5LB

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *